2484I prossimi appuntamenti per l’editoria digitale sono moltissimi, sembra che ogni mese si moltiplichino e questo è un indicatore sicuro che il mercato è in fermento. Anche se è ancora lontano da raggiungere un picco, l’editoria si sta facendo sempre più digitale.

Oltre al festival Fahrenheit attivo in questo weekend a Bologna, da domani domenica 8 maggio fino al 10 si terrà in Svizzera, a Montreaux, il Festival of Media Global 2011, tutto dedicato al mondo digitale. Dal 2007 ha raddoppiato le presenze, arrivando nell’anno passato ad avere più di 650 delegati con un pubblico proveniente da 40 Paesi nel mondo. Il festival di quest’anno si propone di fare un quadro di chi influenza il mercato dei media, e il target a cui si rivolge è ogni persona che lavori nel settore, agenzie di comunicazione, editoriali, e innovatori digitali.

Mercoledì 11 e giovedì 12, al Palazzo della Biennale a Venezia, si terrà il Digital Economy Forum, organizzato dall’ambiasciata USA in Italia. Il Forum farà incontrare esperti digitali, imprenditori, direttori di marketing e manager di primo livello in ambito tecnologico dagli Stati Uniti, dall’Italia e dal resto d’Europa per scambiarsi idee sopra le tecnologie digitali, un accesso più ampio ad Internet e il flusso di informazioni on-line per far crescere le aziende, raggiungere nuovi mercati e innovare.

Solo il 50% della popolazione italiana utilizza Internet, e l’e-commerce, tra cui quello degli ebook, arriva solo allo 0,8% di tutte le transazioni commerciali in Italia. Tuttavia c’è stata una crescita esplosiva su Facebook negli ultimi due anni, e ora quasi un terzo della popolazione utilizza il social network. Il Dipartimento di Stato americano sta promuovendo un più vasto accesso a Internet e una maggiore apertura del flusso di informazioni a livello globale. Il Forum metterà in risalto i diversi strumenti digitali che possono aiutare le aziende a migliorare la loro presenza nel mercato.

Giovedì 12 si terrà all’Università degli Studi di Urbino Carlo Bo il secondo dei tre workshop dedicati alla didattica: “Le biblioteche nell’era digitale”, dalle 15 alle 19, ma lo stesso giorno vi sarà anche “Leggere che bello”, appuntamento di Crema, di cui avevamo già parlato.

Ricordiamo che il 12 maggio partirà anche il Salone del Libro di Torino, in cui alcuni spazi saranno anche dedicati agli ebook.

Venerdì 13 e sabato 14 si terrà al borgo La Bagnaia, a Siena, un workshop a cura dell’Osservatorio permanente Giovani-Editori: “Crescere tra le righe”, ora alla settima edizione. A partecipare saranno nientemento che James Murdoch, presidente e amministratore delegato di News Corporation International, l’impero del padre Rupert, che conta tra gli altri mezzi giornali come lo Wall Street Journal e il Times e tv come Fox in America e Sky in Italia; e Jeff Bewkes, numero uno di Time Warner, il colosso che controlla, tra gli altri, anche l’autorevole Cnn.

Due leader indiscussi alla testa delle due maggiori media company del mondo, che, accogliendo l’invito di Andrea Ceccherini, Presidente dell’Osservatorio Permanente Giovani – Editori, per la prima volta assoluta parteciperanno, separatamente, a uno stesso convegno per trattare il tema del ruolo dell’informazione nella società e di come le innovazioni tecnologiche stiano rivoluzionando il mondo dei media.

Tra l’orgoglio della carta stampata e la spinta data dall’informazione 2.0, in un tempo in cui tre giganti sempre più grandi dominano la scena: Apple, Facebook e Google. Un’edizione, quella 2011, che si incentrerà sul nuovo ruolo dell’editore al tempo dell’iPad.

Altri argomenti che potrebbero interessarti:

Lascia un commento